Elmec Computer
Bruschi Maurizio | Istruttore Subacqueo
BCC Laudense
Cremascoli Gomme
Servizi Foto e Video di Matrimonio
Edilferramenta
Gioielleria SaliConti
Note di Bellezza | Centro Estetico e Benessere
4F Elettroforniture | Sant'Angelo Lodigiano
Centro Commerciale Il Castello
La Contea | Agriturismo, Allevamento e Pensione Cani e Gatti
Dolce Vita Wellness Club
Matrimonio | Castello Bolognini
Bar del Ponte | Sant'Angelo Lodigiano
Semini nel Bosco | Sant'Angelo Lodigiano
Art & Dance Studio | Sant'Angelo lodigiano
Sergio Donegà | Insegnante di Yoga su Misura
C.F.I.62 Consulenza Finanziaria Indipendente
Studio Fotografico GM di Gianluca Mariani
Privato Vende Casa a Sant'Angelo Lodigiano
Ottica Scotti | Sant'Angelo Lodigiano
Elmec Computer
Bruschi Maurizio | Istruttore Subacqueo
BCC Laudense
Cremascoli Gomme
Servizi Foto e Video di Matrimonio
Edilferramenta
Sali Conti
Note di Bellezza
4F Elettroforniture | Sant'Angelo Lodigiano
Centro Commerciale Il Castello
La Contea | Agriturismo, Allevamento e Pensione Cani e Gatti
Dolce Vita Wellness Club
Matrimonio | Castello Bolognini
Bar del Ponte | Sant'Angelo Lodigiano
Semini nel Bosco | Sant'Angelo Lodigiano
Art & Dance Studio | Sant'Angelo lodigiano
Sergio Donegà | Insegnante di Yoga su Misura
CFI62 Consulenza Finanziaria Indipendente
Studio Fotografico GM di Gianluca Mariani
Privato Vende Casa a Sant'Angelo Lodigiano
Ottica Scotti | Sant'Angelo Lodigiano

Dialetto e Tradizioni: ”i Tre Mercanti della Neve"

Dialetto e Tradizioni: ”i Tre Mercanti della Neve"
Le feste sono ormai passate e ci troviamo ad affrontare quello che sembra essere il mese più lungo dell'anno: Gennaio...freddo, buio e inclemente.

Non resta dunque che appellarsi a qualche Santo per far sì che questi giorni passino in fretta.

Ed ecco che tre Santi vengono in nostro aiuto. Sono i cosiddetti "Mercanti della Neve":

SAN MAURO, 15 Gennaio, viene celebrato con la vendita dei “filsòn”, castagne secche raccolte in lunghe collane.

SANT'ANTONIO ABATE, Patrono di Sant'Angelo, viene festeggiato il 17 Gennaio.
Questo grande patrono del mondo contadino è ancora oggi celebrato con un gran numero di manifestazioni, riti e consuetudini antiche non solo nei paesi della pianura padana: falò, mercatini e benedizione degli animali.
I falò che si accendono nella sera della vigilia sono ricchi di significati propiziatori e rimandano alla leggenda che narra come Sant'Antonio sia sceso all'inferno per riscaldarsi e rubare al diavolo un tizzone ardente da donare agli uomini: da qui la sua elezione a protettore contro i pericoli degli incendi.

SAN BASSIANO, 19 Gennaio, si celebra solennemente a Lodi.
In cambio del patrocinio riceve ogni anno l'omaggio dei ceri e dei prodotti della terra, mentre fuori dalla cattedrale romanica la folla si snoda quasi in corteo fra le bancarelle inebriandosi di aromi di vino e di buseca, saporita trippa fumante.

I "Mercanti della Neve" devono questo nome al fatto che, i giorni in cui si ricordano, sarebbero sì quelli più nevosi dell'anno, ma anche quelli che aprono le porte ad uno spiraglio di primavera.

Una tradizione antica che rimanda ai contadini, i quali, privi delle previsioni meteo, avevano il loro almanacco legato al calendario ma anche ai mutamenti climatici stagionali del loro territorio.
 

“I MERCANTI DÈLA NEVE”

San Maver, Sant’Antoni e San Basàn, i tri mercanti dèla neve, un pruèrbis dei nosti vegi che incö l’è un po’ pasàde de moda.

Me se recordi da fiulén che invece l’èra propi insì, cavalàde de neve che te püdèvi mangiàla da sta in pé, e quante balucàde fra de nöme.

A Sant’Antoni cun la scüsa che stèveme a ca’ da scola, pasèveme tüte el tèmpe a fa’ le batàglie fra de nöme.

La briöla de lana in testa, i guanti fai a man dala mama e cun le man vernighènte dal frège e la candila al naš na’ fèveme una pèll de giügà.

Pö la sira, quande gnèva scüri, dopu avè ciapàde magari quater patòn perché sèreme pü nanca da vède, se pichèveme atàche ala stüa a spetà che rüvèva el papà cun quàter ufèle da mangià.

Perché se l’è vira che el clima l’è cambiade, che gh’è pü le stagiòn de una volta e tüte cle balòte li, una certèsa la gh’è sèmper: le noste ufèle!

Enrico Vignati


 

Condividi l'articolo su

Riproduzione Riservata

Inviaci i tuoi video e diventa un nostro reporter
Dillo a SantangeloTV
La tua pubblicità su santangelotv