Elmec Computer
Bruschi Maurizio | Istruttore Subacqueo
BCC Laudense
Cremascoli Gomme
Servizi Foto e Video di Matrimonio
Edilferramenta
Gioielleria SaliConti
Note di Bellezza | Centro Estetico e Benessere
4F Elettroforniture | Sant'Angelo Lodigiano
Centro Commerciale Il Castello
La Contea | Agriturismo, Allevamento e Pensione Cani e Gatti
Dolce Vita Wellness Club
Matrimonio | Castello Bolognini
Semini nel Bosco | Sant'Angelo Lodigiano
Art & Dance Studio | Sant'Angelo lodigiano
C.F.I.62 Consulenza Finanziaria Indipendente
Studio Fotografico GM di Gianluca Mariani
Ottica Scotti | Sant'Angelo Lodigiano
2AExpress - Logistica e Trasporti
Elmec Computer
Bruschi Maurizio | Istruttore Subacqueo
BCC Laudense
Cremascoli Gomme
Servizi Foto e Video di Matrimonio
Edilferramenta
Sali Conti
Note di Bellezza
4F Elettroforniture | Sant'Angelo Lodigiano
Centro Commerciale Il Castello
La Contea | Agriturismo, Allevamento e Pensione Cani e Gatti
Dolce Vita Wellness Club
Matrimonio | Castello Bolognini
Semini nel Bosco | Sant'Angelo Lodigiano
Art & Dance Studio | Sant'Angelo lodigiano
CFI62 Consulenza Finanziaria Indipendente
Studio Fotografico GM di Gianluca Mariani
Ottica Scotti | Sant'Angelo Lodigiano
Gruppo 2AExpress - Logistica e Trasporti

"I Custodi del Dialetto Barasino" - 23° Episodio

Mê šiu Giuanòn

Mê šiu Giuanòn l’èr màgher ’me
’n ciòde e picinén de statüra (e l’èr
per quèl che la ciamèvun Giuanòn). La
sô dòna, invéce, l’èra grànda e gròsa,
la sarà stài vutànta chìli: la se ciamèva
Ritén.

De scumàgna, per chi vurèva savèl,
i ghe dišèvun “Giuanòn el Prètu”, per
vìa che, da giùn, l’èra stài in seminàri e,
dòpu un po’, l’èva cavàde la vèsta. Ghe
piašèva béve e, al sàbete, sènsa un fal, el
ciapèva la ciòca.

Quande l’èr bèl birùnde, al sòlite uràri,
’gnèva la sô dòna - mê šia Ritén - a töl a
l’ustarìa e la purtèva a ca’ cun la carèta
dî müradù: l’èra un spetàcul che nisön
vurèva šmenàghe.

Apèna i vedèvun rüvà mê šia Ritén
cun la carèta, la vuš la ’ndèva per el paìš
e la gènte la curìva a vède mê šiu ch’el
salüdèva tǜti e ghe ’gnèva el magòn da
quànte i ghe vurèvun bèn.

Un dì, sicùme el se sentìva dî dulùri,
Giuanòn l’è ’ndài dal sô dutùr, che l’à
mandàde a l’uspedàl per fà dî ešàmi e,
apèna j˘èn stài prùnti, l’è ’ndài indré
dal sô dutùr per fàghi vède.

Quande l’à finìde da légi, el dutùr la trài la tésta e ’l
gh’à di’: “Guàrda, Giuanòn, che adès l’è
rüvàde el mumènte e, stàndu ai ešàmi, te
gh’è méš fìdeghe che l’è ’ndaì e l’òltra
metà che la ghe va adré. Te dò un parér:
dešmète da mangià e beve a strangujòn
tüte le ùre d’la giurnàda, perchè, quande
te sèn vége te cumènci a infesà”.

Ma mê šiu Giuanòn el gh’à di’: “Sciùr
dutùr, lü el gh’à rešòn, ghe n’à mìla
de rešòn, ma se cun més fìdeghe sòn
scampàde fin’a sesant’àni, cun l’òltra
metà tirarò ancamò per vint’àni. Sesànta
e vìnte fan utànta, sciùr dutùr, per me
l’è fin’an’tròpe. Mé el ringràsi, sciùr
dutùr, ma per me, da dešmète da mangià
e beve, ghe pènsi no: la vaga ’me la vör,
ghe pènsi pròpi no!”.

Un dì che fèva còlde, süla basùra,
gh’èr un ròcul de òmi setàdi a l’umbrìa,
arènta àla ca’ dî mê šii. Gìra e rigìra, el
discùrse el ’ndèva sü chi l’è che gh’à da
cumandà in ca’, se l’èr mèî l’òme o la
dòna. Unchividön dišèva che la dòna l’è
mèî per šià la tàula. Pepén Cicèta, che
l’èra un righignòn, el disèva che “dòne
e madòne i stan bèn pitüràde sǜi mǜri”,
invéce Tugnòn de Balacàn el dišèva che
in ca’ l’è mèî che cumànda la dòna e
föra, invéce, gh’à da cumandà l’òme.
Mê šia Ritén l’èra in ca’, dedré àla tènda
de l’üs.

Mê šiu Giuanòn, che ’l vurèva fas bèl
de bùca, in méš a tǜti el dišèva che, föra
o indrèn, la tènda l’è istés.
Alùra mê šia Ritén l’è ’gnǜda vùltra
cun in man la sòcula de lègne e gh’l’à
lasàda ’nda sü la tésta.

Mê šiu Giuanòn l’à dešmìs de cùlpe
da discùr se l’èr mèî che cumandèva la
dòna o l’òme e l’è ’ndài inànse a gratàs
l’insücàda che l’èva ciapàde.

Rino Bagnaschi

Mio zio Giuanòn

Mio zio Giuanòn era magro come un
chiodo e piccolo di statura (ed era
per quello che lo chiamavano Giuanòn);
sua moglie, invece, era grande e grossa,
sarà stata ottanta chili: si chiamava Ritén.
Per soprannome, per chi volesse saperlo,
gli dicevano “Giuanòn il Prete”, per il
fatto che, da giovane, era stato in seminario
e, dopo un po’, ne era uscito. Gli
piaceva bere e, al sabato, senza fallo, si
ubriacava.

Quando era ben brillo, al solito orario,
arrivava sua moglie – mia zia Ritén – a
prenderlo all’osteria e lo portava a casa
con la carriola dei muratori: era uno spettacolo
che nessuno voleva perdersi.
Appena vedevano arrivare mia zia
Ritén con la carriola, la voce andava per
il paese e la gente correva a vedere mio
zio che salutava tutti e gli veniva da piangere
per quanto gli volevano bene.

Un giorno, siccome si sentiva dei dolori,
Giuanòn andò dal suo medico, che lo
mandò all’ospedale per fare degli esami
e, appena furono pronti, ritornò dal suo
medico per farglieli vedere. Quando finì
di leggerli, il medico scosse la testa e gli
disse: “Guarda, Giuanòn, che adesso è
arrivato il momento e, stando agli esami,
hai mezzo fegato spacciato e l’altra metà
che lo segue. Ti do un consiglio: smetti
di mangiare e bere a più non posso a tutte
le ore del giorno, perché, quando sei vecchio,
incominci a dar fastidio”.

Ma mio zio Giuanòn gli disse: “Si-
gnor dottore, lei ha ragione, ne ha mille
di ragioni, ma se con mezzo fegato ho
campato fino a sessant’anni, con l’altra
metà tirerò (avanti) ancora per vent’anni.
Sessanta e venti fanno ottanta, signor
dottore, per me è anche troppo. Io la ringrazio,
signor dottore, ma da parte mia,
di smettere di mangiare e bere non ci
penso: vada come vuole, proprio non ci
penso!”.

Un giorno che faceva caldo, un pomeriggio
sul tardi, c’era un crocchio di uomini
seduti all’ombra, vicino alla casa dei
miei zii. Gira e rigira, il discorso andava
su chi dovesse comandare in casa, se fosse
meglio l’uomo o la donna. Alcuni dicevano
che la donna è meglio per apparecchiare
la tavola. Pepén Cicèta, che era un
ridanciano, diceva che “donne e madonne
stanno bene dipinte sui muri”, invece Tugnòn
de Balacàn diceva che in casa è meglio
che comandi la donna e fuori, invece,
deve comandare l’uomo.

Mia zia Ritén era in casa, dietro la tenda
dell’uscio.
Mio zio Giuanòn, che voleva farsi bello
di bocca, in mezzo a tutti diceva che,
fuori o dentro la tenda era uguale.
Allora mi zia Ritén uscì con in mano
uno zoccolo di legno e glielo mollò in
testa.

Mio zio Giuanòn smise di colpo di discutere
se fosse meglio che debba comandare
la donna o l’uomo e continuò a grattarsi
la botta in testa che aveva preso.

Ma l’èr tüte un òlter mùnde
Racconti in dialetto santangiolino a cura e con traduzioni, note e testi complementari di Angelo Pozzi
Associazione Società della Porta "Il Ponte"


 

Condividi l'articolo su

Riproduzione Riservata

Dillo a SantangeloTV
La tua pubblicità su santangelotv
Inviaci i tuoi video e diventa un nostro reporter