Elmec Computer
Bruschi Maurizio | Istruttore Subacqueo
BCC Laudense
Cremascoli Gomme
Servizi Foto e Video di Matrimonio
Edilferramenta
Gioielleria SaliConti
Note di Bellezza | Centro Estetico e Benessere
4F Elettroforniture | Sant'Angelo Lodigiano
Centro Commerciale Il Castello
La Contea | Agriturismo, Allevamento e Pensione Cani e Gatti
Dolce Vita Wellness Club
Matrimonio | Castello Bolognini
Semini nel Bosco | Sant'Angelo Lodigiano
Art & Dance Studio | Sant'Angelo lodigiano
C.F.I.62 Consulenza Finanziaria Indipendente
Studio Fotografico GM di Gianluca Mariani
Ottica Scotti | Sant'Angelo Lodigiano
2AExpress - Logistica e Trasporti
Elmec Computer
Bruschi Maurizio | Istruttore Subacqueo
BCC Laudense
Cremascoli Gomme
Servizi Foto e Video di Matrimonio
Edilferramenta
Sali Conti
Note di Bellezza
4F Elettroforniture | Sant'Angelo Lodigiano
Centro Commerciale Il Castello
La Contea | Agriturismo, Allevamento e Pensione Cani e Gatti
Dolce Vita Wellness Club
Matrimonio | Castello Bolognini
Semini nel Bosco | Sant'Angelo Lodigiano
Art & Dance Studio | Sant'Angelo lodigiano
CFI62 Consulenza Finanziaria Indipendente
Studio Fotografico GM di Gianluca Mariani
Ottica Scotti | Sant'Angelo Lodigiano
Gruppo 2AExpress - Logistica e Trasporti

"I Custodi del Dialetto Barasino" - 26° Episodio

El Gnàm

Nèi tèmpi indré, la mišéria l’èra tànta.
Àla Masàja Bàsa ghe stèva el
Gnàm cun la sô dòna e quàter fiöi. El
laurèva apèna quànde gh’èra da ’nda a
tajà sü le rìve dî riši, pö el truèva pü gnèn
da fà. E la fàme la se sentìva sǜbete.

El pòr òme, che ghe tuchèva pensà da
dàghe da mangià ai sô quàter fiöi, l’èra
’gnǜde a savè che àla Müšéla el fitàul
l’èva sumenàde un càmpe de patàti e
che, nel mèš de lǜi, se pudèva ’ndà a
catài sü.

El fitàul, prò, el s’èra incurgiǜde che
la tèra l’èra stài muès/cia e l’à višàde i
carabignéri che j˘àn cumenciàde a fà la
rùnda: un po’ scòmuda per lur, perchè
i gh’èvun da ’ndà dàla Vignöla fìna àla
Müšéla.

Un dì, el pôr Gnam l’ha sentǜde i pàsi
d’un scarpòn e l’à pensàde: “Quèsti j˘èn
i giàn”. Alùra l’à tiràde föra la curùna
del rušari e ’l s’è mis a pregà.

El maresciàl l’à vušàde: “Fermo
là!”. El Gnàm, ch’el fèva fìnta de
gnèn, el ’ndèva inànse cun le sô ura-
siòn. Alùra i carabignéri j˘èn ’ndài indré
in cašèrma cunvìnti che l’èra un
pôr òme ch’el ’ndèva in gir a pregà per
i pôri mòrti.

Cun la scǜša da pregà, intànte el
Gnàm, per tri dì, l’à catàde sü patàti per
dàghe da mangià per un bel po’ àla sô
famìglia.

Ma, al quàrte dì, el fitàul l’èra lì a spetàl
cun i sô paišàn, l’àn ciapàde e l’àn
purtàde in cašèrma.
Quànde el maresciàl el gh’à dumandàde
el perchè l’èva fai, el gh’à rispòste
ch’el gh’èva quàter fiöi da mantegnì.
“Ma il campo non è vostro!”, el gh’à
rispòste el maresciàl.

E lü sǜbete: “El gh’à rešòn, ma mé ò
purtàde no via la tèra,… el càmpe l’è
amò là, mé ò tiràde sü i patàti, che, a di’
la verità, j˘èn stài no bòn cùme quèi de
l’àne pasàde. E pö,…sciùr maresciàl, el
sa s’la diš la gènte: la ròba dî campi l’è
de Dìu e dî sô Sànti!”

Mario Bagnaschi

Il “Gnam”

Nei tempi andati, la miseria era tanta.
Alla Massaglia Bassa ci abitava
il Gnam con sua moglie e quattro figli.
Lavorava solo quando c’era da andare a
sfalciare le rive dei risi, poi non trovava
più nulla da fare. E la fame si sentiva
subito.

Il pover’uomo, che doveva pensare a
dare da mangiare ai suoi quattro figli,
venne a sapere che alla cascina Musella
il fittavolo aveva seminato un campo di
patate e che, nel mese di luglio, si potevano
raccogliere.

Il fittavolo, però, s’era accorto che
il terreno era stato smosso ed avvisò i
carabinieri che cominciarono a fare la
ronda (a sorvegliare): un po’ scomoda
per loro, perché dovevano andare dalla
Vignola fino alla Musella.

Un giorno, il povero Gnam sentì i passi
di uno scarpone e pensò: “Questi sono
i gendarmi”. Allora tirò fuori la corona
del rosario e si mise a pregare.

Il maresciallo gridò: “Fermo là!”. Il
Gnam, che faceva finta di niente, an-
dava avanti con le sue orazioni. Allora
i carabinieri tornarono in caserma
convinti che fosse un pover’uomo che
andava in giro a pregare per i pòveri
morti.

Con la scusa di pregare, intanto il
Gnam, per tre giorni, raccolse patate per
dare da mangiare per un bel po’ alla sua
famiglia.

Ma, al quarto giorno, il fittavolo era
lì ad aspettarlo con i suoi contadini, lo
presero e lo portarono in caserma.
Quando il maresciallo gli domandò
perché l’avesse fatto, gli rispose che
aveva quattro figli da mantenere.
“Ma il campo non è vostro!”, gli rispose
il maresciallo.

E lui subito:” Ha ragione, ma io non
ho portato via il terreno, … il campo è
ancora là, io ho raccolto le patate, che,
per dir la verità, non sono state buone
come quelle dell’anno scorso. E poi, …
signor maresciallo, sa cosa dice la gente:
la roba dei campi è di Dio e dei suoi
Santi!”.

Ma l’èr tüte un òlter mùnde
Racconti in dialetto santangiolino a cura e con traduzioni, note e testi complementari di Angelo Pozzi
Associazione Società della Porta "Il Ponte"



 

Condividi l'articolo su

Riproduzione Riservata

Inviaci i tuoi video e diventa un nostro reporter
Dillo a SantangeloTV
La tua pubblicità su santangelotv