Elmec Computer
Bruschi Maurizio | Istruttore Subacqueo
BCC Laudense
Cremascoli Gomme
Servizi Foto e Video di Matrimonio
Edilferramenta
Gioielleria SaliConti
Note di Bellezza | Centro Estetico e Benessere
4F Elettroforniture | Sant'Angelo Lodigiano
Centro Commerciale Il Castello
La Contea | Agriturismo, Allevamento e Pensione Cani e Gatti
Dolce Vita Wellness Club
Matrimonio | Castello Bolognini
Semini nel Bosco | Sant'Angelo Lodigiano
Art & Dance Studio | Sant'Angelo lodigiano
C.F.I.62 Consulenza Finanziaria Indipendente
Studio Fotografico GM di Gianluca Mariani
Ottica Scotti | Sant'Angelo Lodigiano
2AExpress - Logistica e Trasporti
Elmec Computer
Bruschi Maurizio | Istruttore Subacqueo
BCC Laudense
Cremascoli Gomme
Servizi Foto e Video di Matrimonio
Edilferramenta
Sali Conti
Note di Bellezza
4F Elettroforniture | Sant'Angelo Lodigiano
Centro Commerciale Il Castello
La Contea | Agriturismo, Allevamento e Pensione Cani e Gatti
Dolce Vita Wellness Club
Matrimonio | Castello Bolognini
Semini nel Bosco | Sant'Angelo Lodigiano
Art & Dance Studio | Sant'Angelo lodigiano
CFI62 Consulenza Finanziaria Indipendente
Studio Fotografico GM di Gianluca Mariani
Ottica Scotti | Sant'Angelo Lodigiano
Gruppo 2AExpress - Logistica e Trasporti

"I Custodi del Dialetto Barasino" - 28° Episodio

“I Amarèti Galìna” 

Quante üsmade ho fai da picinen,
trè volte ala stemana gh’èra le infurnade.
Me stèvi propi li, davanti al Fabricòn,
e quande el sciur  Ripa ià tirèva föra dal furne,
el prufüme el se spandèva tüte inturne.

D’estade pö cui vèdri tüti verti,
el te rüveva in ca, perfina nei tirèti,
e l’èra una gudüria, prufüme inebriante,
püdèume no resiste, nanca per un istante.

Munèda ghe nèr poca, ma ghèra un bèl trüchète,
quande che i pasticeri el taul ièun fai nète,
metèun in di sachèti quei che ièrun no perfèti,
l’èr la specialità per i püsè puarèti.

L’èra la pasta ruta, insì la se ciamèva,
e insèma ai amareti gh’èra anca una quai biscoti.

E alura via de cursa, cun sü le savatìne,
cun strète nèle man quater munedìne.

L’èr bèl se gh’èra gente, se te duèvi spetà,
perché chel bèl prufüme tla fèvun no pagà.

Adès, quande ghe pensi, me fa un po’ tenerèsa,
cun quater amarèti ruti l’èra una belèsa; setadi
inanse al üs, cun in man el to scartusén,
paria da ves un sciur, l’èr tame cul Bamben.

“Gli Amaretti Gallina” 

Quanto li ho annusati quando ero piccolo,
tre volte la settimana c’erano le infornate.
Io abitavo proprio li, davanti al Cotonificio,
e quando il Signor Rippa li toglieva dal forno,
il profumo si espandeva tutto intorno.

D’estate poi con le finestre completamente spalancate,
arrivava in casa, persino nei cassetti,
ed ea una goduria, profumo inebriante,
non potevamo resistere, nemmeno per un istante.

Soldi ce n’erano pochi, ma c’era un bel trucchetto,
quando i pasticceri pulivano il tavolo da lavoro,

mettevano in sacchetti di plastica quelli non perfetti,
era la specialità per i più poveri.

Era la pasta rotta, così si chiamava,
e insieme agli amaretti c’era anche qualche biscotto.

E allora via di corsa, con indossate le ciabattine,
con stretto nelle mani quattro monetine.

Era bello se c’era gente in negozio, se dovevi aspettare,
perché il bel profumo non te lo facevano pagare.

Adesso, quando ci penso, mi fa un po’ tenerezza,
con quattro amaretti rotti era una bellezza; seduti
sull’uscio di casa, con in mano il tuo sacchettino,
sembrava d’essere un ricco, era come con Gesù bambino.

 

Condividi l'articolo su

Riproduzione Riservata

Inviaci i tuoi video e diventa un nostro reporter
Dillo a SantangeloTV
La tua pubblicità su santangelotv