Elmec Computer
Bruschi Maurizio | Istruttore Subacqueo
BCC Laudense
Cremascoli Gomme
Servizi Foto e Video di Matrimonio
Edilferramenta
Gioielleria SaliConti
Note di Bellezza | Centro Estetico e Benessere
4F Elettroforniture | Sant'Angelo Lodigiano
Centro Commerciale Il Castello
La Contea | Agriturismo, Allevamento e Pensione Cani e Gatti
Dolce Vita Wellness Club
Matrimonio | Castello Bolognini
Semini nel Bosco | Sant'Angelo Lodigiano
Art & Dance Studio | Sant'Angelo lodigiano
C.F.I.62 Consulenza Finanziaria Indipendente
Studio Fotografico GM di Gianluca Mariani
Ottica Scotti | Sant'Angelo Lodigiano
2AExpress - Logistica e Trasporti
Elmec Computer
Bruschi Maurizio | Istruttore Subacqueo
BCC Laudense
Cremascoli Gomme
Servizi Foto e Video di Matrimonio
Edilferramenta
Sali Conti
Note di Bellezza
4F Elettroforniture | Sant'Angelo Lodigiano
Centro Commerciale Il Castello
La Contea | Agriturismo, Allevamento e Pensione Cani e Gatti
Dolce Vita Wellness Club
Matrimonio | Castello Bolognini
Semini nel Bosco | Sant'Angelo Lodigiano
Art & Dance Studio | Sant'Angelo lodigiano
CFI62 Consulenza Finanziaria Indipendente
Studio Fotografico GM di Gianluca Mariani
Ottica Scotti | Sant'Angelo Lodigiano
Gruppo 2AExpress - Logistica e Trasporti

"I Custodi del Dialetto Barasino" - 29° Episodio

La minèstra a fète

Me regòrdi i prìmi migrànti rüvàdi a Sant’Angel dal Véneto: papà, màma e ’na scòrba de fiöi.
Ghe n’èra tante ànca da nöme, de famìglie nümerùše, ma i véneti i ne batèvun, tànte che se dišèva: “Véneti e paišàn i fan du vòlte a l’an”.

I fiulén i ’ndèvun àla scòla elementàr, ma de italiàn, gnèn!
La maèstra Giulìni, ansianòta ma pièna de pasiènsa, la cerchèva da tiràsi adré.
Me regòrdi de una fiulòta de nùme Nerìna, nègra de cavèi e de nùme, un po’ smòrta de fàcia, ma, per el rèste, la
gh’èra.

Un dì la maèstra la gh’à dumandàde a tǜti ’se j˘èvun mangiàde la sìra prìma.
Unchidön i gh’àn di’ chi una ròba, chi un’òltra; tànti i s’èrun dešmentegàdi, ma la maèstra l’à di’: “Adesso sentiamo
Nerina cosa ha mangiato di buono”.
Nerìna inucènta e sènsa stà a pensàghe: “Poénta, sióra maèstra!”.

E insì el dì dòpu e ’l dì dòpu amò:
“Nerina, tu cosa hai mangiato?”. “Poénta, sióra maèstra!”.
Quàši tǜti i s’àn mìsi a rìde, sì che Nerìna l’è ’ndài a ca’ e gh’l’à cüntàda a sô màma, che alùra l’à istrüìda: “Desvégete
e dìghe: minèstra!”.

La maèstra, el dì adré, l’à tiràde amò a man el mangià e tǜti j˘àn di’ la sùa.
“E tu, Nerina, cosa hai mangiàto?”.
“Minèstra, sióra maèstra!”.
“Sentito, figlioli? Nerina ha mangiato la minestra!”.

L’èra una nuità per tǜta la scòla.
“E dimmi, Nerina, quanti piatti?”.
E la Nerìna, nucentemènte: “Tre fète, sióra maèstra!”.

Mario Bagnaschi

La minèstra a fette

Mi ricordo i primi migranti arrivati a Sant’Angelo dal Veneto: papà, mamma e una caterva di figli. Ce n’erano tante anche da noi, di famiglie numerose, ma i veneti ci battevano, tanto che si diceva: “Veneti e contadini prolificano due volte l’anno”.
I bambini andavano alla scuola elementare, ma quanto a italiano, niente!
La maestra Giulini, anzianotta ma piena di pazienza, cercava di tirarseli dietro.

Mi ricordo di una ragazzotta di nome Nerina, nera di capelli e di nome, un po’ pallida di faccia, ma, per il resto, ben messa.
Un giorno la maestra chiese a tutti cosa avevano mangiato la sera prima.
Alcuni risposero chi una cosa, chi un’altra; tanti se n’erano dimenticati, ma la maestra disse: “Adesso sentiamo
Nerina cosa ha mangiato di buono”.

Nerina, ingenua e senza stare a pensarci: “Poénta, sióra maèstra!”. E così il giorno dopo e quello dopo ancora:
“Nerina, tu cosa hai mangiato?”.
“Poénta, sióra maèstra!”.
Quasi tutti si misero a ridere, sicché Nerina andò a casa e lo raccontò a sua mamma, che allora la istruì: “Desvégete
e dìghe: minèstra!”.

La maestra, il giorno appresso, riprese il discorso sul mangiare e tutti dissero la loro.
“E tu, Nerina, cos’hai mangiato?”.
“Minèstra, sióra maèstra!”.
“Sentito, figlioli? Nerina ha mangiato la minestra!”.
Era una novità per tutta la scuola.
“E dimmi, Nerina, quanti piatti?”.
E la Nerìna, ingenuamente: “Tre fète, sióra maèstra!”

Ma l’èr tüte un òlter mùnde
Racconti in dialetto santangiolino a cura e con traduzioni, note e testi complementari di Angelo Pozzi
Associazione Società della Porta "Il Ponte"

 

Condividi l'articolo su

Riproduzione Riservata

Inviaci i tuoi video e diventa un nostro reporter
Dillo a SantangeloTV
La tua pubblicità su santangelotv