Elmec Computer
Bruschi Maurizio | Istruttore Subacqueo
BCC Laudense
Cremascoli Gomme
Servizi Foto e Video di Matrimonio
Edilferramenta
Gioielleria SaliConti
Note di Bellezza | Centro Estetico e Benessere
4F Elettroforniture | Sant'Angelo Lodigiano
Centro Commerciale Il Castello
La Contea | Agriturismo, Allevamento e Pensione Cani e Gatti
Dolce Vita Wellness Club
Matrimonio | Castello Bolognini
Semini nel Bosco | Sant'Angelo Lodigiano
Art & Dance Studio | Sant'Angelo lodigiano
C.F.I.62 Consulenza Finanziaria Indipendente
Studio Fotografico GM di Gianluca Mariani
Ottica Scotti | Sant'Angelo Lodigiano
2AExpress - Logistica e Trasporti
Elmec Computer
Bruschi Maurizio | Istruttore Subacqueo
BCC Laudense
Cremascoli Gomme
Servizi Foto e Video di Matrimonio
Edilferramenta
Sali Conti
Note di Bellezza
4F Elettroforniture | Sant'Angelo Lodigiano
Centro Commerciale Il Castello
La Contea | Agriturismo, Allevamento e Pensione Cani e Gatti
Dolce Vita Wellness Club
Matrimonio | Castello Bolognini
Semini nel Bosco | Sant'Angelo Lodigiano
Art & Dance Studio | Sant'Angelo lodigiano
CFI62 Consulenza Finanziaria Indipendente
Studio Fotografico GM di Gianluca Mariani
Ottica Scotti | Sant'Angelo Lodigiano
Gruppo 2AExpress - Logistica e Trasporti

"I Custodi del Dialetto Barasino" - 30° Episodio

La Barca de Panarèn

“Panarén” l’èr un pruèrbis
ch’i diśèvun chi da nön.
Ma se l’èra Panarén?
la sa quaśi pü nisön.
L’era vön de chi ani là…
quèi de tanti ani fà.
 
Una sira Panarén
l’èra ‘ndrèn in d’una stala,
insèma tüti i sò veśén,
per sculdas un mumentén    
e cüntasla sü‘n ‘brisén.
A un certu bèl mumènte
ècu che se veris l’üs
e du fiöle vèn indrèn,
tüte du cu’l vestì bianche
e un mas de fiuri in man.
In d’i’ndèvun a tö i fiuri
cun la nève che gh’èr föra?
Tüti cun la buca vèrta
incantadi lì a guardà.
Lur i s’èn sculdade un po,     
pö i èn ‘ndai sènsa parlà.
Chi saràn? De ‘nduè ch’i èn?
Panarén, no tatalò,     
el vurèva ‘ndaghe in cò.
A la sira dopu, amò.
Ma prò, quande ch’le du fiöle
(Vestì bianche e fiuri in man)
I èn ‘ndai via sènsa parlà,
Panarén, pianén pianén,
anca lü föra da là:
El ghe ‘ndai adrè al scüri,    
lotu lotu, cuntra i müri.
Quan’ch’i èn stai a Laśaréte   
lur i èn ‘ndai śu da’l rivòn.
Fèrma li gh’èr una barca.
Le du fiöle i ghe ‘ndai sü:
“Barca, va! Sü, va per dü!”
E la barca indaparlé     
l’è ‘ndai śu pianén pr el Lamber…
Panarén l’ha di: “ Duman    
s’ho da fa savarò me!”
E infati, el dì adré,     
 
 
cume i èn rüvade in stala,
(vestì bianche e fiuri in man)
l’è stai no li a cinquantala:  
l’è scapade via de cursa,
l’è rüvade al Laśarète ….
e ‘l s’è scus in sü la barca.
Dopu un po’ rüva ‘ste du:
“Barca, và; Sü, và per dü!”    
Ma la barca la sta lì.
“Barca, dunca , va per dü!”    
Ma la barca sèmpèr lì.
“Se te vör ‘ndà no per dü,    
barca, pröva a ‘ndà per trì!”
Pian la barca la se möve     
e, pr un po’, la va   la va….
Scus in funde, Panarén    
el tremèva ‘me ‘n gatén.
‘N bèl mumènte la se fèrma:
le du fiöle , śu da lì,     
i rampègun sü’l rivòn.
Panarén i a vède pü,
e alura…adrè anca lü.
L’è ‘ndai sü per el rivòn,     
l’ha fai quater rigulòn
e, de culpe, el s’è truade
in d’un campe de giavòn…
pièn de morti che balèva!!!
Nisö bianchi che se trèva,
tanti ossi che lüśiva,
le cadène che ciuchèva,
tante vüs da capusturnu,
un gran füme tüte inturnu.
E che le du fiöle là
(vestì bianche e fiuri in man)
anca lur lì a balà.
Panarén, frège śelade   
el südèva ‘me d’estade.
La tacade pö a tremà:
pr el stremìsi ch’l’ha ciapade     
ghe vegnèva da vuśà…   
 ma ‘l pariva lì inciudade.
Quande apèna l’ha podüde,
l’ha tacade a cur a cur…  
fin che l’è rüvade  a cà.
Quater dì lü l’è stai mal     
cu ‘na fèvra da caval
e l’ha dì “Geśü, Geśü,
me sü ‘l Lamber ghe vò pü!
 
Uramai i èn pochi bèn
ch’i san s’l’èra Panarén
e la barca che la ‘ndèva
quande che se cumandèva…
Quasi tüti, prò, i san      
che, arènta a Lümagan,
gh’è ‘mò un campe a puś a i orti
Ch’el se ciama “ El bal d’i morti”.
 
da “El  noste munde” 1980 di Achille Mascheroni

La barca di Panarén

“Panarén” era una favola
che si raccontava dalle nostre parti.
Ma cos’era Panarén?
Non se lo ricorda quasi nessuno.
Era un tale del passato…
uno di tanti anni fa.
 
Una sera Panarén
si trovava in una stalla,
insieme a tutti i suoi vicini,
per riscaldarsi.
A un certo punto
ecco che si apre l’uscio
ed entrano due ragazze,
tutte e due col vestito bianco
ed un mazzo di fiori in mano.
Ma dove avevano trovato i fiori
con tutta la neve che c’era fuori?
Tutti rimasero a bocca aperta
meravigliati da ciò che vedevano.
Le ragazze si riscaldano un po'
poi se ne andarono senza parlare.
Chi saranno? Da dove arrivano?
Panarén, che non era tonto,
voleva venire a capo dell’accaduto.
La stessa cosa si ripeté la sera successiva.
Però, quando le due ragazze
(vestito bianco e fiori in mano)
se ne andarono senza parlare
Panarèn, piano piano,
uscì dalla stalla:
e nel buio della sera le seguì
camminando lungo i muri
senza dare nell’occhio.
Quando arrivarono al Lazzaretto
le ragazze discesero la riva (del Lambro)
Li ferma c’era una barca.
Le due ragazze salirono:
“Barca, va! Su, vai per due!”
E la barca piano, senza remare,
cominciò a muoversi lungo il Lambro.
Panarén pensò: “Domani
so io cosa devo fare!”
Infatti, il giorno dopo,
 
Quando le ragazze entrarono nella stalla.
(vestito bianco e fiori in mano)
non perse tempo:
uscì di corsa dalla stalla
e arrivato al Lazzaretto
si nascose sulla barca.
Poco dopo arrivarono le due ragazze:
“Barca va! Su va per due!”
Ma la barca non si mosse.
“Barca, allora, va per due!”
Ma la barca non si mosse.
“Se non vuoi andare per due,
barca, prova ad andare per tre!”
Piano piano la barca cominciò a muoversi
e, per un po', si trascinò lungo il fiume.
Nascosto nel fondo della barca, Panarén
tremava come un gattino.
Ad un certo punto la barca si fermò:
le due ragazze scesero,
e si arrampicarono sull’alta riva.
Panarén non le vedeva più,
e allora decise si seguirle.
Risalì a fatica la riva
poi, ruzzolando,
si ritrovò all’improvviso
in un campo d’erba…
pieno di morti che ballavano!!!
Bianche lenzuola che si agitavano,
ossa che luccicavano,
catene che sbattevano,
urla da capogiro,
un denso fumo tutt’attorno.
E le due ragazze
(vestito bianco e fiori in mano)
erano là che ballavano.
Panarén, freddo gelato
sudava come fosse estate.
Iniziò poi a tremare:
per il tanto spavento
gli veniva da urlare…
ma rimase impietrito.
Tornato in sé
cominciò a correre senza fermarsi
fin quando non arrivò a casa.
Per quattro giorni rimase sofferente
con un febbrone da cavallo
continuando a ripetere “Gesù, Gesù,
io sul Lambro non ci vado più!”
 
Ormai sono ben pochi
quelli che si ricordano di Panarén
e della barca che si muoveva
quando le si ordinava…
Quasi tutti, però, sanno
che, vicino alla cascina Lumagano,
c’è ancora un campo dietro agli orti
che si chiama “Il ballo dei morti”.

 

Condividi l'articolo su

Riproduzione Riservata

La tua pubblicità su santangelotv
Inviaci i tuoi video e diventa un nostro reporter
Dillo a SantangeloTV