Elmec Computer
Bruschi Maurizio | Istruttore Subacqueo
BCC Laudense
Cremascoli Gomme
Servizi Foto e Video di Matrimonio
Edilferramenta
Gioielleria SaliConti
Note di Bellezza | Centro Estetico e Benessere
4F Elettroforniture | Sant'Angelo Lodigiano
Centro Commerciale Il Castello
La Contea | Agriturismo, Allevamento e Pensione Cani e Gatti
Dolce Vita Wellness Club
Matrimonio | Castello Bolognini
Art & Dance Studio | Sant'Angelo lodigiano
C.F.I.62 Consulenza Finanziaria Indipendente
Studio Fotografico GM di Gianluca Mariani
Ottica Scotti | Sant'Angelo Lodigiano
2AExpress - Logistica e Trasporti
OVS kids - Sant'Angelo Lodigiano
Elmec Computer
Bruschi Maurizio | Istruttore Subacqueo
BCC Laudense
Cremascoli Gomme
Servizi Foto e Video di Matrimonio
Edilferramenta
Sali Conti
Note di Bellezza
4F Elettroforniture | Sant'Angelo Lodigiano
Centro Commerciale Il Castello
La Contea | Agriturismo, Allevamento e Pensione Cani e Gatti
Dolce Vita Wellness Club
Matrimonio | Castello Bolognini
Art & Dance Studio | Sant'Angelo lodigiano
CFI62 Consulenza Finanziaria Indipendente
Studio Fotografico GM di Gianluca Mariani
Ottica Scotti | Sant'Angelo Lodigiano
Gruppo 2AExpress - Logistica e Trasporti
OVS kids - Sant'Angelo Lodigiano

"I Custodi del Dialetto Barasino" - 32° Episodio

"I Custodi del Dialetto Barasino" - 32° Episodio

La nuèna dî mòrti

Dü òmeni de Grafignàna i gh’èvun
da ’ndà a Pavìa e la stràda püsè
svèlta l’èra quèla da ciapà el tramvài a
Sant’Angel. Sicùme i sèvun no i uràri e
i gh’èvun da ’gnì a Sant’Angel a pé, j˘àn
pensàde da partì un po’ prèste per ciapà
la prima cùrsa per Pavìa.
La matìna bunùra i dü i s’èn inviàdi;
l’invèrne l’èva anticipàde, fèva un frège
da can e, per sculdàs, i šlunghèvun el
pas; ma, ’sti pòri òmeni, i fèvun tèmpe
no a pelà e trà vìa: fèva tròpu frège!
Quànde j˘èn rüvàdi àla stasiòn, i
gh’èvun i candilòti tacàdi ai barbìši. I
gh’àn dumandàde al magašiné, ch’l’èr
adré a mète a pòste la ròba da spedì,
quànde gh’èra el tramvài per Pavìa.
“Gh’ì tèmpe quàši du ùre da spetà, ve
cunvièn ’nda a pé fìna a Vilanté o a Cupiàn,
insì spendì ménu del beliète”.
Sant’Angel l’èra mòrte, in gir nànca
’n’ànima vìva.
S’è sentìde sunà le campàne d’le
cincheméša: j˘èrun quèle d’la nuèna dî
mòrti. I dü j˘àn guardàde el munimènte
dî cadùti e j˘àn tiràde inànse per Vilanté.
J˘èrun quaši rüvàdi al Pelegrén, quànde
j˘àn sentìde un travài sinìster ch’el ’gnèva
da la Còsta: nel scǜri s’è prešentàde d’le
béstie cun quàter còrni prön.
I pôri Grafignanén s’l’àn dài a gàmbe
levàde fìna a l’ustarìa d’la Tòja, in Cuntradéla.
Indrèn de l’ustarìa, sènsa fià, cun
i ögi in föra e le fàce da cadàver, la Tòja
la gh’à ciamàde: “’Se v’è sücès?!”. E
lür j˘àn cüntàde quèl che j˘èvun vìste:
“J˘èrun una trentìna, brǜti, sènsa fàcia e
cun i còrni. Pèr furtǜna sème scapàdi, se
de no i ne ’ncurnèvun”.
La verità l’èra un’òltra: la céša la manchèva
de bànche e cadréghe per fà setà
la gènte e alùra j˘èvun pensàde da fà
pagà deš ghèi quèi che se setèva.
Quèi d’la Còsta j˘èrun pòra gènte che
ghe tegnèva a ’ndà in céša e, per spènde
no i deš ghèi, i se purtèvun le cadréghe
da ca’. ’Sti pôri fiöi, intapàdi per el
frège, cun i cutùrni ai pé ch’i fèvun püsè
fracàs d’un regimènte de cavài e le cadréghe
vultàde in tésta, i parìvun pròpi
dî mùstri. E tǜti i àni l’èra insì.

Mario Bagnaschi

 

La novena dei morti

Due uomini di Graffignana dovevano
andare a Pavia e la strada più
rapida era quella di prendere il tram a
Sant’Angelo. Non sapendo gli orari e
dovendo venire a Sant’Angelo a piedi,
pensarono di partire un po’ presto per
prendere la prima corsa per Pavia.
Il mattino presto i due si avviarono;
l’inverno era arrivato in anticipo, faceva
un freddo da cani e, per scaldarsi,
allungavano il passo; ma, i poveri uomini,
non riuscivano a scaldarsi abbastanza:
faceva troppo freddo!
Quando arrivarono alla stazione, avevano
stalattiti di ghiaccio attaccate ai
baffi. Chiesero al magazziniere, che
stava mettendo a posto la roba da spedire,
quando sarebbe passato il tram
per Pavia.
“Dovete aspettare quasi due ore, vi
conviene andare a piedi fino a Villanterio
o a Copiano, così spendete meno
per il biglietto”.
Sant’Angelo era morto, in giro neanche
un’anima viva.
Si sentirono suonare le campane delle
cinque e mezza: erano quelle della
novena dei morti. I due guardarono il
monumento ai caduti e proseguirono
per Villanterio.
Erano quasi arrivati al Pellegrino e
sentirono un rumore sinistro che proveniva
dalla Costa: nel buio si presentarono
delle bestie con quattro corna
ciascuna. I poveri Graffignanini se la
diedero a gambe levate fino all’osteria
della Toja, in Contradella. Dentro l’osteria,
senza fiato, con gli occhi fuori
dalle orbite e con le facce da cadavere,
la Tòja chiese loro: “Cosa vi è successo?!”.
E loro raccontarono quello che
avevano visto: “Erano una trentina,
brutti, senza faccia e con le corna. Per
fortuna siamo fuggiti, altrimenti ci incornavano”.
La verità era un’altra: la chiesa mancava
di panche e di sedie per far sedere
la gente e allora avevano pensato di far
pagare dieci centesimi a quelli che si
sedevano.
Quelli della Costa erano povera gente
che ci teneva ad andare in chiesa e, per
non spendere dieci centesimi, si portavano
le sedie da casa. Questi poveri
figlioli, imbacuccati per il freddo, con
pesanti calzature ai piedi che facevano
più fracasso di un reggimento di cavalleria
e con le sedie in testa a gambe in
su, sembravano proprio dei mostri. E
tutti gli anni era così.

 

Condividi l'articolo su

Riproduzione Riservata

Dillo a SantangeloTV
La tua pubblicità su santangelotv
Inviaci i tuoi video e diventa un nostro reporter