Elmec Computer
Bruschi Maurizio | Istruttore Subacqueo
BCC Laudense
Cremascoli Gomme
Servizi Foto e Video di Matrimonio
Edilferramenta
Gioielleria SaliConti
Note di Bellezza | Centro Estetico e Benessere
4F Elettroforniture | Sant'Angelo Lodigiano
Centro Commerciale Il Castello
La Contea | Agriturismo, Allevamento e Pensione Cani e Gatti
Dolce Vita Wellness Club
Matrimonio | Castello Bolognini
Art & Dance Studio | Sant'Angelo lodigiano
C.F.I.62 Consulenza Finanziaria Indipendente
Studio Fotografico GM di Gianluca Mariani
Ottica Scotti | Sant'Angelo Lodigiano
2AExpress - Logistica e Trasporti
OVS kids - Sant'Angelo Lodigiano
Elmec Computer
Bruschi Maurizio | Istruttore Subacqueo
BCC Laudense
Cremascoli Gomme
Servizi Foto e Video di Matrimonio
Edilferramenta
Sali Conti
Note di Bellezza
4F Elettroforniture | Sant'Angelo Lodigiano
Centro Commerciale Il Castello
La Contea | Agriturismo, Allevamento e Pensione Cani e Gatti
Dolce Vita Wellness Club
Matrimonio | Castello Bolognini
Art & Dance Studio | Sant'Angelo lodigiano
CFI62 Consulenza Finanziaria Indipendente
Studio Fotografico GM di Gianluca Mariani
Ottica Scotti | Sant'Angelo Lodigiano
Gruppo 2AExpress - Logistica e Trasporti
OVS kids - Sant'Angelo Lodigiano

"I Custodi del Dialetto Barasino" - 34° Episodio

Giüšèp e la pagǜra del scǜri

A Curtlòna gh’èra ’na famìglia cun
papà, màma e ’l fiöl Giüšèp, che
l’èva finìde le scòle e ’l cerchèva un
laurà. Vèn che mör el papà e in ca’
cumencèva a mancà ’l pan; la màma
Tògna la ghe dišèva e stradišèva al fiöl
da cercàs un laurà, ma Giüšèp el vurèva
sentìghe no e ’l cumencèva a ’ndà cun
catìve cumpagnìe. La màma Tògna, che
se n’èra dài, la ghe dišèva: “Te sén su
’na gràma stràda; se te vé inàns insì,
’ndê te ’ndaré a finì, Giüšèp?”.
E ’nsì, dòpu un po’ de tempe, un po’ per
la mòrte de l’òme, un po’ per el dispiašè
da vède el fiöl insèma a cèrta gènte, gh’è
’gnǜde adré ’na pulmunìte e, in pòchi dì,
l’à tiràde i scalfarén. Giüšèp l’èr disperàde:
sènsa laurà, in da par lü, cun in d’la
mènte le parole de sô màma, ch’la ghe
dišèva: “’Ndê te ’ndaré a finì, Giüšèp?”.
Vèn che sô šìu, ch’el laurèva àla Galbani
de Curtlòna, el gh’à di’ a Giüšèp
che i cerchèvun un menalàte per fà
’l gìr da ritirà el làte nèle casìne de
Sant’Angel. Giüšèp, ànca se giùn, l’èra
bèn mis e chél laurà lì el sarés ’ndai
bèn. Ma Giüšèp el gh’èva pagǜra del
scǜri.
La prìma nòte l’à pasàda bèn, ma ’l
dì adrè l’à cumenciàde a pensà: “Gh’ò
da pasà trì murtòri a ’ndà e trì a ’gnì
’ndré!”. E ’nd’la sô mènte gh’èr sèmper
sô màma mòrta e la sô vuš ’nd’le sô
urège: “’Ndê te ’ndaré a finì, Giüšèp?”.
Insì, per la pagǜra, quànde ’l pasèva
denànse ai murtòri, el se cacèva in tésta
’na quèrta e ’l tegnèva el fià.
Una nòte, in mìra al murtòri de
Sant’Angel, l’à sentìde ’na vuš che
ciamèva: “’Ndê te véeee, Giüšèeeep?”.
El pôr fiöl l’è saltàde šu dal carète
e, de cùrsa, l’è rüàde fìna àla Ranèra.
Tǜti i durmìvun. Gh’èra apèna Basàn
d’la lögia dersedàde, che ’l fèva indrèn
e föra dàla stàla cun in man una
lücèrna, perchè ’l gh’èva ’na lögia
ch’la gh’èva da fà i nimalén, quànde ’l
sènte vušà: “Vütém, vütém!”. L’è ’ndài
vèr’ la stràda e l’à vìste ’stò fiulòte
tǜte stremìde, biànche ’me ’na pàta
lavàda.
“’S’t’è sücès?”, el gh’à ciamàde
Basàn d’la lögia. Ma Giüšèp el gh’èva
pü mìa de fià per parlà.
La gènte l’à sentìde ’l travài e l’è
levàda sü per savè che ròba èr sücès. Da
lì a ’n’urèta, dòpu che ’l s’èra calmàde,
Giüšèp l’à cüntàde che sô màma l’èva
ciamàde dal murtòri de Sant’Angel.
Basàn, spertìde d’la vìta, el gh’à di’: “Te
gh’l’è amò tô màma?”.
“No, l’è mòrta dü méši fa a Curtlòna”.
“E l’i suplìda là?”.
“Sì”.
E Basàn, a sentì ’sta ròba nan’ da crède:
“Ohilà, chì la ròba la se fà spèsa!”.
Intànte la gènte la vurèva savè cùme
mài Giüšèp l’èra lì de nòte.
“Fò el menalàt àla Galbàni e gnévi da
cargà el lat àla Pedrìna, quànd ò sentìd
mê màma ch’la me ciaméva; són saltàd
šu dal car e són scapàd”.
“El car ìndê l’è?”.
“El mül el cugnùs la stràda: el sarà fèrm àla Pedrìna”.
La gènte, àla Ranèra, la sèva pü ’se
pensà e la s’è mìsa a spetà unchividön
che ’gnìva da Sant’Angel per sentì che
ròba èra sücès.
È rüvàde el stradén in biciclèta e l’à
vìste un po’ de gènte a fà ròcul. “’S’è
sücès?”, l’à ciamàde.
“Gh’è un fiöl che stanòte l’à sentìde
sô màma ch’la ciamèva dal murtòri”.
El stradén el s’à mis a rìde e pö l’à di’:
“Jarsìra tardi, prima che ’gnèva scǜri, è
pasàde un pastùr cun le pégure. Vǜna,
straca, l’è restàda indré. Mé pasèvi da
lì, l’ò ciapàda e, cun la cìnta dî calsòn,
l’ò ligàda al cancèl del murtòri. Quande
la pégura l’à sentìde el carète a pasà, la
s’à fài sentì cun el sô “bèeeee”. Ma la
pagǜra, a Giüšèp, la gh’à fài sentì “’ndê
te vèeeee?”.
La verità l’èr quèsta…, ma Giüšèp l’à
cambiàde mesté..

Mario Bagnaschi

 
Giuseppe e la paura del buio
A Corteolona c’era una famiglia con
papà, mamma ed il figlio Giuseppe,
che aveva finito la scuola e cercava un
lavoro. Accadde che morì il papà ed in
casa incominciava a mancare il pane;
mamma Antonia diceva e insisteva nel
dire al figlio di cercarsi un lavoro, ma
Giuseppe non ne voleva sapere ed incominciava
a frequentare cattive compagnie.
Mamma Antonia, che se n’era
accorta, gli diceva: “Sei su una cattiva
strada; se vai avanti così, dove andrai a
finire, Giuseppe?”.
Così, dopo un po’ di tempo, un po’
per la morte del marito, un po’ per il
dispiacere di vedere il figlio insieme a
certa gente, si ammalò di polmonite e,
in pochi giorni, tirò le cuoia. Giuseppe
era disperato: senza lavoro, solo, con
in mente le parole di sua madre, che gli
diceva: “Dove andrai a finire, Giuseppe?”.
Capitò che suo zio, che lavorava alla
Galbani di Corteolona, disse a Giuseppe
che cercavano un addetto che facesse il
giro per il ritiro del latte nelle cascine
di Sant’Angelo. Giuseppe, se pur molto
giovane, era robusto e quel lavoro poteva
andar bene. Ma Giuseppe aveva paura
del buio.
La prima notte la passò bene, ma
il giorno dopo incominciò a pensare:
“Devo passare tre cimiteri all’andata e
tre al ritorno!”. E nella sua mente c’era
sempre sua mamma e la sua voce
nelle sue orecchie: “Dove andrai a finire,
Giuseppe?”. Così, per la paura,
quando passava davanti ai cimiteri si
cacciava in testa una coperta e tratteneva
il fiato.
Una notte, nei pressi del cimitero di
Sant’Angelo, sentì una voce che chiedeva:
“Dove vaaaai, Giuseeeeppe?”.
Il povero ragazzo saltò giù dal carretto
e, di corsa, arrivò fino alla Ranera.
Tutti dormivano. C’era appena Bassano
della scrofa sveglio, che entrava e
usciva della stalla con in mano una lucerna,
perché aveva una scrofa che doveva
partorire i maialini, quando sentì urlare:
“Aiutatemi, aiutatemi!”. Andò verso la
strada e vide questo ragazzotto spaventatissimo
e pallido come un cencio.
“Cosa ti è successo?”, gli chiese Bassano
della scrofa. Ma Giuseppe non
aveva più fiato per parlare.
La gente sentì il trambusto e si alzò
per sapere cos’era accaduto. Passata
un’oretta, dopo essersi calmato, Giuseppe
raccontò che sua mamma l’aveva
chiamato dal cimitero di Sant’Angelo.
Bassano, da persona vissuta, gli disse:
“Hai ancora la mamma?”.
“No, è morta due mesi fa a Corteolona”.
“E l’avete sepolta là?”.
“Sì”.
E Bassano, sentendo questa incredibile
cosa, (esclamò): “Perbacco, qui la
cosa si fa seria!”.
Intanto le persone volevano sapere
come mai Giuseppe si trovasse lì di notte.
“Faccio la raccolta del latte per la Galbani
arrivavo dopo aver caricato il latte
alla Pedrina, quando ha sentito la mia
mamma che mi chiamava; sono saltato
giù dal carro e sono scappato”.
“E il carro dov’è?”.
“Il mulo conosce la strada: sarà fermo
alla Pedrina”.
La gente, alla Ranera, non sapeva più
cosa pensare e si mise ad aspettare qualcuno
che venisse da Sant’Angelo per
sentire cos’era successo.
Arrivò lo stradino in bicicletta e vide
un po’ di gente che faceva capannello.
“Cosa è successo?”, chiese.
“C’è un ragazzo che stanotte ha sentito
sua mamma che lo chiamava dal cimitero”.
Lo stradino si mise a ridere e poi disse:
“Ieri sera tardi, prima che venisse buio,
è passato un pastore con le pecore. Una,
stanca, è rimasta indietro. Io passavo di
lì, l’ho presa e, con la cintura dei pantaloni,
l’ho legata al cancello del cimitero.
Quando la pecora ha sentito passare
il carretto, si è fatta sentire con il suo
“bèeeee”. Ma la paura, a Giuseppe, ha
fatto sentire “dove vai?”.
La verità era questa…, ma Giuseppe
cambiò mestiere.


 

Condividi l'articolo su

Riproduzione Riservata

Dillo a SantangeloTV
La tua pubblicità su santangelotv
Inviaci i tuoi video e diventa un nostro reporter