Elmec Computer
Bruschi Maurizio | Istruttore Subacqueo
BCC Laudense
Cremascoli Gomme
Servizi Foto e Video di Matrimonio
Edilferramenta
Gioielleria SaliConti
Note di Bellezza | Centro Estetico e Benessere
4F Elettroforniture | Sant'Angelo Lodigiano
Centro Commerciale Il Castello
La Contea | Agriturismo, Allevamento e Pensione Cani e Gatti
Dolce Vita Wellness Club
Matrimonio | Castello Bolognini
Art & Dance Studio | Sant'Angelo lodigiano
C.F.I.62 Consulenza Finanziaria Indipendente
Studio Fotografico GM di Gianluca Mariani
Ottica Scotti | Sant'Angelo Lodigiano
2AExpress - Logistica e Trasporti
OVS kids - Sant'Angelo Lodigiano
Elmec Computer
Bruschi Maurizio | Istruttore Subacqueo
BCC Laudense
Cremascoli Gomme
Servizi Foto e Video di Matrimonio
Edilferramenta
Sali Conti
Note di Bellezza
4F Elettroforniture | Sant'Angelo Lodigiano
Centro Commerciale Il Castello
La Contea | Agriturismo, Allevamento e Pensione Cani e Gatti
Dolce Vita Wellness Club
Matrimonio | Castello Bolognini
Art & Dance Studio | Sant'Angelo lodigiano
CFI62 Consulenza Finanziaria Indipendente
Studio Fotografico GM di Gianluca Mariani
Ottica Scotti | Sant'Angelo Lodigiano
Gruppo 2AExpress - Logistica e Trasporti
OVS kids - Sant'Angelo Lodigiano

"I Custodi del Dialetto Barasino" - 35° Episodio

EL MEDEGON

Se un chidön l’èra malade
o s’èl sentiva mal
o se l’èra a l’uspedàl,
per pudè guarì dabon
gh’èr chi ‘ndèva dal dutur
o gh’èr chi dal medegòn.
I ‘è run ròbe amò de lur!
Strada fai a pè in du ur.
I ruvèvun in cà là.
Tüte pièn de maistà
d’la Madòna, del Signur
Santa Balbura e Simòn
ch’i risguardun d’la saèta
e pö anca fin dal tròn.
Gh’èra tanti Santi amò
inciudadi cuntra el mür,
cui lümèn in su’l cumò
ch’i lüsivun in de’l scür.
Tanta gènte gh’èr setada
che spetèva da ‘ndà ‘ndrèn
cun la maia del malade
fai śu ‘ndrèn d’un pachétén.
Se derviva intante l’üs,
gnèva vultra un brütu müs.
-Sü, indrèn chi l’è che tuca”
“Me son chi pr’el me fiulén
e son me che me pertuca
a purtaghe chi el maién.
-Dam’a mi che ghe fò ‘l sègn,
pö la tuchi a la Madòna.
Un decot fai de castègn
e de rura per tri dì.
Un rusari a la Madòna
e al rest ghe pènsi mì!
-Grasie…Quante ghe vèn?
Fa l’ufèrta…mì vöi nièn!
(E l’ufèrta, se te vöi? 
La vudèva el purtaföi,)
 
Fa l’ufèrta…mì vöi nièn!
(E l’ufèrta, se te vöi? 
La vudèva el purtaföi,)
-Dènter l’alter….Desfesèv!”
-G’ho el me òme cun la tus!
-Un decot fai cun el sèv
e un cüciar de oli de nus.
Trì patèri per trì dì.
e al rèst…ghe pènsi mì!
Fà l’ufèrta….Mi… vöi nièn!
(Se sughèva anca ‘l bursén.)
-Quèsta chì l’è la maina
d’la me pòra picinina.
Da trì mèsi ghe vèn pü
le o robe, o bòn Gesü!
Tüti i dì l’è là da l’oste,
pro’ l’è ‘ncamò al so poste.
-Dü o tri d’…chi’ ‘n d’la me stansa
Pulentina sü la pansa.
Do massac che mi gh’a fò
i so ròb ghe vèn amò.
Sensa ufèrta, ne uraśion
la tò fiöla guarirò.
Te me la laset chi…trì dì’
 e al rèst …ghe pènsi mì!
-Amò ‘l mòla! Sacramè!     
Te vurès tì fam’la a me….
Quèste si che l’è un bèl dritu
Me te’l disi….pencescritu!
 
Dis insì che bèl e bèn,
dopü un po’, stu medegòn
el se töi una pusiòn.
E ..sfalsandu un po’‘l pruèrbis
ch’l’èra propi quèl mulièrbis 
 e  l’è quèl vira dabòn
Dis che val ‘na buna facia
per crumpas una pusiòn!
 
 
da “ El noste munde” 1980 di Achille Mascheroni

IL GUARITORE

Se qualcuno era ammalato,
se si sentiva poco bene
o se era all’ospedale,
per poter davvero guarire
c’era chi andava dal medico
oppure da un guaritore
Erano pratiche antiche.
Due ore di cammino.
Si giungeva nella casa (del guaritore)
In ogni angolo c’erano immagini
della Madonna, di Nostro Signore,
Santa Barbara e San Simone
che proteggono dalla saetta
e addirittura dal tuono.
C’erano tante altre immagini di Santi
appese alle pareti,
con i lumini sul comò
che brillavano nel buio.
Tanta gente era seduta
in attesa di essere ricevuta
ed ognuno aveva la maglia dell’ammalato
avvolta con cura in un cartoccio di carta.
Ad un tratto si apriva un uscio
e s’affacciava il guaritore (spesso con aspetto tenebroso)
-Su, avanti chi deve entrare.
-Io sono qui per il mio bambino,
ed è mio il dovere
di portarvi la sua maglia.
-Dalla a me che le faccio il “segno”,
Il “segno” è un insieme di movimenti
che il guaritore pratica sul paziente o su un suo indumento
e che è sempre accompagnato da una formula orale magica,
che però non viene svelata. Si dice che chi svela la formula
perde i poteri di guaritore.
poi la sfioro sull’immagine della Madonna.
Un decotto fatto di castagne
e di quercia per tre giorni.
Un rosario alla Madonna
e a tutto il resto ci penso io.
-Grazie…Quanto le devo?
-Fai un’offerta. Io non chiedo nulla.
(E l’offerta, cosa ci puoi fare?
Svuotava il portafoglio).
-Entri un altro…Sbrigatevi!
-Ho mio marito con la tosse.
Un decotto fatto con il sego
( sego:grasso di equini, ovini, ma soprattutto di bovini.)
e un cucchiaio di olio di noci.
Tre preghiere per tre giorni
Al resto…ci penso io.
Fai un’offerta. Io non chiedo nulla.
(Si svuotava il borsellino)
-Questa e la maglia
della mia povera bambina.
Da tre mesi non ha
le sue mestruazioni. O Buon Gesù
Tutti i giorno va dall’oste,
(all’osteria e quindi sempre in mezzo agli uomini)
ma però è ancora illibata.
-Due o tre giorni, qua, nella mia camera,
cataplasmi sulla pancia,
con due massaggi che le faccio…
le mestruazioni arriveranno.
Senza nessuna offerta ne orazione
tua figlia guarirò,
Me la lasci qui…tre giorni…
e al resto ci penso io.
-Senti questo cosa dice! Sacramento! (sacramè: espressione tipica del nostro dialetto)
Tu vorresti imbrogliarmi.
Questo è veramente una bella faccia tosta
Io te lo dico e lo metto per iscritto.
 
Si racconta e su questo non vi è dubbio,
che trascorso qualche tempo’, questo guaritore
si è comprato una cascina.
E…stravolgendo un po’ il proverbio,
che è una vera e propria sentenza
e rispecchia la realtà,
si dice che occorra avere una buona faccia (tosta)
per acquistare una cascina.  (Per fare affari vantaggiosi)

 

Condividi l'articolo su

Riproduzione Riservata

Inviaci i tuoi video e diventa un nostro reporter
Dillo a SantangeloTV
La tua pubblicità su santangelotv