Elmec Computer
Bruschi Maurizio | Istruttore Subacqueo
BCC Laudense
Cremascoli Gomme
Servizi Foto e Video di Matrimonio
Edilferramenta
Gioielleria SaliConti
Note di Bellezza | Centro Estetico e Benessere
4F Elettroforniture | Sant'Angelo Lodigiano
Centro Commerciale Il Castello
La Contea | Agriturismo, Allevamento e Pensione Cani e Gatti
Dolce Vita Wellness Club
Matrimonio | Castello Bolognini
Art & Dance Studio | Sant'Angelo lodigiano
C.F.I.62 Consulenza Finanziaria Indipendente
Studio Fotografico GM di Gianluca Mariani
Ottica Scotti | Sant'Angelo Lodigiano
2AExpress - Logistica e Trasporti
OVS kids - Sant'Angelo Lodigiano
Elmec Computer
Bruschi Maurizio | Istruttore Subacqueo
BCC Laudense
Cremascoli Gomme
Servizi Foto e Video di Matrimonio
Edilferramenta
Sali Conti
Note di Bellezza
4F Elettroforniture | Sant'Angelo Lodigiano
Centro Commerciale Il Castello
La Contea | Agriturismo, Allevamento e Pensione Cani e Gatti
Dolce Vita Wellness Club
Matrimonio | Castello Bolognini
Art & Dance Studio | Sant'Angelo lodigiano
CFI62 Consulenza Finanziaria Indipendente
Studio Fotografico GM di Gianluca Mariani
Ottica Scotti | Sant'Angelo Lodigiano
Gruppo 2AExpress - Logistica e Trasporti
OVS kids - Sant'Angelo Lodigiano

"I Custodi del Dialetto Barasino" - 38° Episodio

Giuanén Giachèta

Batistòn l’èra vòlte dü métri e sèmper
sènsa danè. D’estàde el se rangèva
a fà tǜti i mestè, per tirà inànse, ma
d’invèrne el fèva no tèmpe a “pelà e
tra via”, cùme se dišèva a Sant’Angel,
quànde vön el mangèva no asé.
Batistòn, un dì, al Pusòn, l’à truàde
el sô amìs Giuanén d’la Pitàca e cun la
fàcia de tòla el gh’à di’: “Giuanén imprèsteme,
se te pödi, cinquànta frànchi
per pagàghe le castègne al Lüsén”. Ma
l’èra ’na scǜša e Batistòn, per un po’, el
s’à fài vède pü in gir.
Quànde finalmènte Giuanén l’à truàde
e ’l gh’à di’ da dàghe indrè i sô danè, Batistòn
el gh’à fài capì che l’èra a bulèta e
da spetà ancamò.
Giuanén l’à pèrse la pasiènsa: “Te farò
ciamà dal Pretùr” e Batistòn l’à fài nànca
’na piéga.
Vèn el dì d’la cumparisiòn e Batistòn
l’è ’ndai a truà Giuanén per dìghe che lü
el sarés ’gnǜde dal Pretur, ma el gh’èva
nànca una giàca da mète sü. Pür da vèdel
cundanàde, el sô amiš Giuanén, el gh’à
prestàde la sô giàca.
Quànde cumenciàde l’üdiènsa, Batistòn
l’è ’ndài arènta al Pretùr per
dumandàghe s’el pudèva dìghe du paròle
in privàde. El giǜdice el sèva che
Batistòn l’èra debitùr de Giuanén d’la
Pitàca, ma Batistòn el gh’à di’: “Mé
gh’ò gnèn da dàghe a Giuanén, l’è lü
che l’è malàde e ’l s’è miš in tésta tànte
ròbe. El guàrda, sciùr Pretùr, quànde
mé sarò un po’ luntàn, el fàsa fìnta
de gnèn, ch’el ghe dumànda de chi l’è
la giàca che gh’ò sü; l’è bòn da rispùndeghe
che l’è la sùa…, da lì el capirà
che l’è malàde. Ghe vör pasiènsa,
sciùr Pretùr!...”
Giuanén el vèn interugàde: “Dunque,
lei ha prestato cinquanta lire a Battistone?”
“Sacrusànte, sciùr Pretùr, el vör pü
dàmi indré!”
“Dimmi, Giovannino, di chi è la giacca
che indossa Battistone?”
“L’è mìa, sciùr Pretùr”.
“La seduta è tolta!”.
Da ch’el dì là Giuanén l’è stai ciamàde
“Giachèta” e l’à pèrse l’amiš, la giàca
e… i cinquànta frànchi.

Mario Bagnaschi

Giuanén detto “Giacchetta”

Batistòn era alto due metri e sempre
senza soldi. D’estate si adattava a
fare tutti i lavori, per tirare avanti, ma
d’inverno non riusciva a sbucciare e
buttare via, come si diceva a Sant’Angelo,
quando uno non mangiava abbastanza.
Un giorno Batistòn, al Pozzone, trovò
il suo amico Giuanén della Pitàca
e con grande disinvoltura gli disse:
“Giuanén, prestami, se puoi, cinquanta
lire per pagare le castagne a Lucini.
Ma era una scusa e, per un po’ di tempo,
Batistòn non si fece più vedere in
giro.
Quando Giuanén, finalmente, lo trovò
e gli disse di restituirgli i suoi soldi,
Batistòn gli fece capire che era in bolletta
e (gli chiese) di aspettare ancora
un po’.
Giuanén perse la pazienza: “Ti farò
chiamare dal Pretore!”, ma Batistòn
non fece nemmeno una piega.
Venne il giorno della comparizione
e Batistòn andò a trovare Giuanén per
dirgli che lui sarebbe venuto dal Pretore,
ma non aveva nemmeno una giacca
da indossare. Pur di vederlo condanna-
to, il suo amico Giuanén gli prestò la
sua giacca.
Quando cominciò l’udienza, Batistòn
si avvicinò al Pretore per chiedergli se
poteva dirgli due parole in privato. Il
giudice sapeva che Batistòn era debitore
di Giuanén della Pitàca, ma Batistòn
gli disse: “Io non devo niente a
Giuanén, è lui che è ammalato e si è
messo in testa tante cose. Guardi, signor
Pretore, quando io mi sarò allontanato
un po’, faccia finta di niente, gli
chieda di chi è la giacca che porto; è
capace di risponderle che è la sua…,
da questo lei capirà che è ammalato. Ci
vuole pazienza, signor Pretore!...”
Venne interrogato Giuanén: “Dunque,
lei ha prestato cinquanta lire a Batistòn?”
“È la verità, signor Pretore, non vuole
più restituirmele!”
“Dimmi, Giovannino, di chi è la giacca
che indossa Battistone?”
“È mia, signor Pretore”.
“La seduta è tolta!”.
Da quel giorno Giuanén venne soprannominato
“Giacchetta” e perse l’amico,
la giacca e… le cinquanta lire.

 

Condividi l'articolo su

Riproduzione Riservata

Inviaci i tuoi video e diventa un nostro reporter
Dillo a SantangeloTV
La tua pubblicità su santangelotv