Elmec Computer
BCC Laudense
Cremascoli Gomme
Servizi Foto e Video di Matrimonio
Edilferramenta
Gioielleria SaliConti
Note di Bellezza | Centro Estetico e Benessere
Centro Commerciale Il Castello
La Contea | Agriturismo, Allevamento e Pensione Cani e Gatti
Matrimonio | Castello Bolognini
C.F.I.62 Consulenza Finanziaria Indipendente
Studio Fotografico GM di Gianluca Mariani
OVS kids - Sant'Angelo Lodigiano
Gestione Social Network Aziendali
Palestra ProForma 2020 Sant'Angelo Lodigiano
EuroCromo Legno | Specializzati nella verniciatura, sverniciatura e nel restauro del serramento.
Elmec Computer
BCC Laudense
Cremascoli Gomme
Servizi Foto e Video di Matrimonio
Edilferramenta
Sali Conti
Note di Bellezza
Centro Commerciale Il Castello
La Contea | Agriturismo, Allevamento e Pensione Cani e Gatti
Matrimonio | Castello Bolognini
CFI62 Consulenza Finanziaria Indipendente
Studio Fotografico GM di Gianluca Mariani
OVS kids - Sant'Angelo Lodigiano
Gestione Social Network Aziendali
Palestra ProForma 2020 Sant'Angelo Lodigiano
EuroCromo Legno | Specializzati nella verniciatura, sverniciatura e nel restauro del serramento.

"I Custodi del Dialetto Barasino" - 39° Episodio

EL NOSTE MUNDE (IER)

Tempi indrè, prima de ièr,
gh’èr le socule, le sibre,
i pulachi e i strivai.
 
Sü le piodule pasèva
le barète cu’i cavai,
le navasse piène d’üga
e i cari cu’l maśenghe.
 
Gnèvun cun la timenéla
 i fitaguli a’l mercà…
Gh’èra anca quèi che ‘ndèva
 cun la spiciula a girà.
 
Se piuèva gh’èra i sguasi,
 gnèva l’acqua da le grunde…
Gh’èr la tèpa cuntra ‘l mür…
Tanta pulver cun el sul…
 
Le sachéle de pumates
cuntra ‘l mür per la cunsèrva.
El cafè cun l’urlandès…
El sedél tacade a’l pus
che, se indrèn pö el burlèva,
i tachèvun a’l türlète,
per ciapàl, la rampinèra.
 
Gh’èr le sés piène de urtiśe…
Gh’èr le sòche, gh’èr le tape
e i bigi da impignà.
 
Quan’che gh’èra el tempural
 e s’ciupèva la sumèlga
se metèva i legni in crus
 per pudè salvà la mèlga
 
E i fèvun i stüén,
in dabàs, pö, per l’invèrne:
sü le stüe le pelaie
de limon e pertügai
e garüspi de puméla.
Le gardise cu’i bigati…
Mai asè la quindeśina
 
Cuntra ‘l mür gh’èra i anèi
ch’i lighèvun i cavai:
‘ndèva la una quai dòna,
portarüde e scua in man,
che la gh’èva da ingrassà    
i liandri in d’i tulòn.
 
Gh’èra el fèn sü la cassina,
la sò scala sulevada
che a’l rampòn l’èra tacada…
El caval cuntra la grüpia,
el rasté in funde d’la curte
e, in funde a l’orte, el cès
fai cun quatr’o cin fassine
e un’assa per fa l’üs:
e là ‘ndrèn in curculòn
cun el ranfe n’di galòn…
 
La cistèrna cun el rüde,
el nimal in de’l stalén.
in d’la curte le galine ,
in de’l fòs i anedèn
e le oche e i anedòti.
E i ‘ndevu’ a bas al Lamber
a pescà le tènche, i boti…
 
Le furséle ch’i tegnèvun
sü le corde cu’i nisö,
el fugòn per la bügada,
el sigiòn sü’l cavalète
e, cun sü la bigaröla ,
gh’èr le dòne che lavèva
la camiśa de’l sò fiöl:
vüna adòs e l’òltra al fòs.
 
I fiulèn n’i stantirö
cul macar śu per el nas,
e da’l traul de’l purtégòn,
gnèva śu la sbasiröla.
 
Quan’ sunèva la campana
– ch’l’èra la benedisiòn –
tüti quanti i se ‘nsegnèvun
e i cavèvun el capél.
A la sira, dopu sèna,
i òmi in de le ustarie
cun le stafe e cu’i chicrén…
in sü l’üs, cu’i cadreghén,
se setèva śu le dòne…
e, a tòpuli , i fiulèn
i giüghèvun per la strada…
Quan’ che un orghene el sunèva
la cuntrada la balèva…
Ma bunura tüti a cà!
Un chidön, in de’l ‘ndà cà,
el cantèva per la strada
o ‘l strüśèva tüti i muri
… che, de vèn, l’èra birunde.
 
Quèste l’èra el noste munde!

 
Da “El noste munde” 1980 di Achille Mascheroni

IL NOSTRO MONDO (IERI)

Tempo fa, molto prima di ieri,
c’erano gli zoccoli, le ciabattine,
gli stivaletti e gli stivali.
Sulle carreggiate di granito passavano
i carretti trainati dai cavalli,
carri che trasportavano grossi contenitori pieni di uva da mosto (navasse)
e carri carichi di fieno maggengo.
Arrivavano con il calesse
i fittavoli al mercato…
C’erano anche quelli che giravano in bicicletta. (la spiciula)
Se pioveva si formavano grandi pozzanghere,
scendeva l’acqua dalle grondaie…
C’era il muschio sopra ai muri…
Tanta polvere con il sole…
I sacchetti di tela pieni di pomodori
appoggiati al muro per la conserva…
Il caffè preparato con la miscela olandese … (caffè di cicoria)
Il secchio appeso al pozzo
e se il secchio cadeva nel pozzo,
attaccavano al cilindro di legno su cui girava la corda (türlète)
una serie di ganci mobili (rampinèra) per ripescarlo.
C’erano le siepi piene di rampicanti spontanei commestibili. (urtiśe)
C’erano le “soche” (parte sottoterra degli alberi)
c’erano le “tape” (scorze del tronco)
e i “bigi” (pezzi di tronco) da accatastare…
Quando arrivava il temporale
e scoppiavano i lampi
si mettevano i legni in croce
per salvare il granoturco.
E poi, per l’inverno, in cucina, facevano “i stüén”, (divisori fatti con assi rivestite di carta per rimpicciolire la cucina e risparmiare riscaldamento)
sulle stufe, si mettevano le bucce di limone e di arancia
e i torsoli di mela (in questo caso “puméla” qualità molto piccola di mela)
I ripiani ricoperti di foglie di gelso (gardise) per allevare i bachi (bigati)
La paga quindicinale non era mai abbastanza…
 
Attaccati al muro c’erano gli anelli
dove si legavano i cavalli:
li ci andavano le donne,
a raccogliere, con la paletta e la scopa,
lo sterco dei cavalli, utile per concimare
gli oleandri coltivati in grandi latte di metallo.
C’era il fieno sulla cascina,
con la sua la scala sollevata,
ed appesa al gancio.
Il cavallo davanti alla greppia, (mangiatoia)
il cancello di legno (el rasté) in fondo al cortile
e, in fondo all’orto, il gabinetto
fatto con quattro o cinque fascine
ed un asse come uscio;
e là dentro si stava accovacciati
con il formicolio alle cosce…
La cisterna (o deposito) con il letame,
il maiale nella piccola stalla (“stalén” piccola e bassa costruzione in muratura o in legno dove si teneva il maiale all’ingrasso)
e le galline nel cortile,
dentro il fosso gli anatroccoli
e le oche, le anatre.
Poi andavano sulle rive del Lambro
a pescare le tinche, i pesciolini…
I bastoni che sostenevano
la corda per stendere le lenzuola,
il recipiente dove si accendeva il fuoco per fare il bucato,
il mastello appoggiato al cavalletto
e, con il grembiule,
c’erano le donne che lavavano
la camicia del figlio:
una camicia addosso e l’altra al fosso.
I bambini nei sostegni di legno per tenerli in piedi (“stantirö” una sorta di antico girello)
con il muco che scendeva dal naso
e, da una trave del portico,
scendeva l’altalena.
Quando risuonava la campana
-quella della benedizione-
Tutti si facevano il segno della croce
e si levavano il cappello.
Alla sera, dopo cena,
gli uomini andavano all’osteria
dove si beveva vino nei bicchieri (stafe) o in piccole tazze senza manico… (chicrén)
sull’uscio delle case, su piccole sedie impagliate,
si sedevano le donne a chiacchierare…
e, a nascondino, (tòpuli) i bambini
giocavano per la strada.
Quando suonava un organetto
tutta la contrada si metteva a ballare…
Ma prima del buio tutti rincasavano.
Qualcuno, tornando a casa,
cantava per la strada
o rasentava tutti muri
…perché, di vino, era “birunde” (completamente pieno, rotondo)
Questo era il nostro mondo!

 

Condividi l'articolo su

Riproduzione Riservata

Inviaci i tuoi video e diventa un nostro reporter
Dillo a SantangeloTV
La tua pubblicità su santangelotv