Elmec Computer
Bruschi Maurizio | Istruttore Subacqueo
BCC Laudense
Cremascoli Gomme
Servizi Foto e Video di Matrimonio
Edilferramenta
Gioielleria SaliConti
Note di Bellezza | Centro Estetico e Benessere
4F Elettroforniture | Sant'Angelo Lodigiano
Centro Commerciale Il Castello
La Contea | Agriturismo, Allevamento e Pensione Cani e Gatti
Dolce Vita Wellness Club
Matrimonio | Castello Bolognini
Bar del Ponte | Sant'Angelo Lodigiano
Semini nel Bosco | Sant'Angelo Lodigiano
Art & Dance Studio | Sant'Angelo lodigiano
Sergio Donegà | Insegnante di Yoga su Misura
C.F.I.62 Consulenza Finanziaria Indipendente
Studio Fotografico GM di Gianluca Mariani
Privato Vende Casa a Sant'Angelo Lodigiano
Ottica Scotti | Sant'Angelo Lodigiano
Elmec Computer
Bruschi Maurizio | Istruttore Subacqueo
BCC Laudense
Cremascoli Gomme
Servizi Foto e Video di Matrimonio
Edilferramenta
Sali Conti
Note di Bellezza
4F Elettroforniture | Sant'Angelo Lodigiano
Centro Commerciale Il Castello
La Contea | Agriturismo, Allevamento e Pensione Cani e Gatti
Dolce Vita Wellness Club
Matrimonio | Castello Bolognini
Bar del Ponte | Sant'Angelo Lodigiano
Semini nel Bosco | Sant'Angelo Lodigiano
Art & Dance Studio | Sant'Angelo lodigiano
Sergio Donegà | Insegnante di Yoga su Misura
CFI62 Consulenza Finanziaria Indipendente
Studio Fotografico GM di Gianluca Mariani
Privato Vende Casa a Sant'Angelo Lodigiano
Ottica Scotti | Sant'Angelo Lodigiano

"I Custodi del Dialetto Barasino" - Diciannovesimo Episodio

“Ho fai un Sogne …” 

Ier de sira son ‘ndai in lete, sèri strache per dabòn, me son impapinàde  
sübete, gh’è stai propi gnèn da fa. 
Sèri li sül me cüsén e la testa l’è partida, l’è sgulada fin la in volte, 
due i sogni ièn realtà. 
Tüte a un trate dèrvi i ögi e me trövi nel Castel; quanta gènte tüta in fila, cun  
in man el so bèl bigliète, gh’èr tedèschi e giapunèsi, pö francèsi e americàn.  
I salòn ièn tüti vèrti, dal scalòn cun la caròsa cui türisti in prucesiòn, ala sala 
d’armi in bas cun tri fiöi a fa i ciceròn. 
Süla tur in fila indiana mame e fiöi sü per la scala, fan ugén apèna i pödun, 
slungun el pas per rüvà prima; pö rüvadi sü la insìma guardun zu, i filmun  
tüte, e i salüdun cun le man quei che spetun el so turne. 
Vègni föra dal curtìl, me fo spasi fra i banchèti, gh’è chi l’è che vènde spade  
e armadüre picinine, le balèstre e anca le sfere, quèle cun indrèn la nève, 
e el castel bèl picinen. 
Fo dü pasi per la Piasa, rüvi in mira al sagrà, una statua d’la Cechina in  
in bèla mustra propi in mes. Süla destra una funtana, fai cul marme de  
Carara, e anca li gènte in atèsa, prunta a ‘ndà in Cesa Granda; g’ho el cör  
che bate a mila, me vèn zu dü lacrimòn.  
Tiri drite pian pianén, guardi in gir vèdi vedrìne tüte bèle ilüminade, cun  
indrèn le statuine dèla Santa e dèl Patròn, cartuline culurade e viulète  
dapertüte, perché a Le i ghe piasèvun e ai türisti amò püsè. 
Tai zu, vo vèrse el trage, sènti gènte al giardinòn, fo dü pasi vöri vède,  
rüvi arènta al cancelòn; guardi indrèn, gh’è tanta gènte, i fiulén cun man el  
sanguìs, le banchète tüte piène; i m’han di che i gnèvun da Ruma, per gnì  
a vède el me paìs.  
Tüte a un bòte vèdi tulber, sènti pü parlà nisön, sènti apèna in luntanansa  
el rumur de un campanén; dèrvi i ögi e al’impruvis me se trövi ndel me lete, 
cun la sveglia che sunèva li de fianche sül cifòn.  
Te vöi vède che ho sugnade? 
E se pö l’è per dabòn?  
G’ho pagüra a levà sü, vuraresi durmì amò, per ‘ndà avanti nèl me gir, 
per guardà quel che è cambiade;  prövi amò, giri galòn ma gh’è propi 
gnèn da fa, dala sveglia un olter squillo, gh’è da ‘ndà a laurà. 
 
 

“Ho fatto un sogno ...” 

Ieri sera sono andato a dormire, ero veramente stanco, mi sono  
addormentato subito, non c’è stato nulla da fare. 
Ero li sul mio cuscino quando la testa è partita, è volata sulle nuvole, 
dove i sogni sono realtà. 
Tutto a un tratto apro gli occhi e mi ritrovo nel castello; quanta gente tutta  
in fila, ognuno con in mano il proprio biglietto, c’erano tedeschi e  
giapponesi, poi francesi e americani.  
I saloni del castello erano tutti aperti, dalla grande scala dove c’è la carrozza, 
con una processione di turisti, alla sala d’armi in basso, con tre ragazzi 
a far da cicerone. 
Salendo per la torre in fila indiana mamme e figli su per la scala,  
fanno occhialino appena possono, allungano il passo per arrivare più in 
fretta;  poi una volta arrivati guardano in basso, filmano tutto, e salutano 
con le mani quelli che aspettano il loro turno. 
Esco dal cortile, mi faccio spazio fra le bancarelle, c’è chi vende spade e  
armature in miniatura, le balestre e anche le sfere, quelle di vetro con  
all’interno la neve, e il castello in miniatura. 
Faccio due passi per la piazza, arrivo in prossimità del sagrato, una statua  
della Santa Cabrini fa bella mostra di se stessa proprio nel mezzo. 
Sulla destra una fontana, fatta con il marmo di Carrara, e anche li gente in 
attesa, pronta ad entrare nella Basilica; sento il cuore battere all’impazzata, 
mi scendono due grosse lacrime sul viso. 
Vado avanti pian piano, mi guardo attorno e vedo vetrine belle e illuminate, 
con all’interno le statuine della Santa e del Patrono, cartoline colorate e  
violette in ogni luogo, perché a Lei piacevan tanto, e ai turisti ancor di più. 
Svolto, vado verso Piazza del Terraggio, odo gente al Giardinone, proseguo 
voglio vedere , arrivo vicino al grande cancello; guardo dentro, c’è tanta  
gente, bambini con in mano un panino, le panchine tutte occupate;  
mi hanno detto che arrivavano da Roma, per visitare il mio paese. 
Tutto a un tratto le immagini si sfocano, non sento parlare più nessuno, 
sento solo in lontananza il trillo di un campanello; apro gli occhi e  
all’improvviso mi ritrovo nel mio letto, 
con la sveglia che suonava li in fianco sul comodino. 
Vuoi vedere che ho sognato? 
E se invece è realtà? 
Ho timore ad alzarmi, vorrei dormire ancora, per continuare la mia  
visita, per vedere cos’altro è cambiato; provo ancora, mi giro dall’altra parte  
ma non c’è nulla da fare, dalla sveglia un altro squillo,  
devo andare a lavorare. 
 
 

Condividi l'articolo su

Riproduzione Riservata

Inviaci i tuoi video e diventa un nostro reporter
Dillo a SantangeloTV
La tua pubblicità su santangelotv