Elmec Computer
Bruschi Maurizio | Istruttore Subacqueo
BCC Laudense
Cremascoli Gomme
Servizi Foto e Video di Matrimonio
Edilferramenta
Gioielleria SaliConti
Note di Bellezza | Centro Estetico e Benessere
4F Elettroforniture | Sant'Angelo Lodigiano
Centro Commerciale Il Castello
La Contea | Agriturismo, Allevamento e Pensione Cani e Gatti
Dolce Vita Wellness Club
Matrimonio | Castello Bolognini
Bar del Ponte | Sant'Angelo Lodigiano
Semini nel Bosco | Sant'Angelo Lodigiano
Art & Dance Studio | Sant'Angelo lodigiano
Sergio Donegà | Insegnante di Yoga su Misura
C.F.I.62 Consulenza Finanziaria Indipendente
Studio Fotografico GM di Gianluca Mariani
Privato Vende Casa a Sant'Angelo Lodigiano
Ottica Scotti | Sant'Angelo Lodigiano
Elmec Computer
Bruschi Maurizio | Istruttore Subacqueo
BCC Laudense
Cremascoli Gomme
Servizi Foto e Video di Matrimonio
Edilferramenta
Sali Conti
Note di Bellezza
4F Elettroforniture | Sant'Angelo Lodigiano
Centro Commerciale Il Castello
La Contea | Agriturismo, Allevamento e Pensione Cani e Gatti
Dolce Vita Wellness Club
Matrimonio | Castello Bolognini
Bar del Ponte | Sant'Angelo Lodigiano
Semini nel Bosco | Sant'Angelo Lodigiano
Art & Dance Studio | Sant'Angelo lodigiano
Sergio Donegà | Insegnante di Yoga su Misura
CFI62 Consulenza Finanziaria Indipendente
Studio Fotografico GM di Gianluca Mariani
Privato Vende Casa a Sant'Angelo Lodigiano
Ottica Scotti | Sant'Angelo Lodigiano

"I Custodi del Dialetto Barasino" - Diciottesimo Episodio

La Delurata

La quarta de setèmber
rüva la “Delurata”
e tüti i büsmarö
che stà in Busamartèn
i èn pègiu che i fiulèn.
Ghè la lüminasion
urgogli de ‘l riòn,
e, in tèra, incö ‘me ièr
…le carte de ‘l butèr
ch’i fan sgüià per strada
perché i han fai le turte
cun sü la marmelada.
Gh’è i üsi sberlatàdi
e pìs i lampedari
perché ti, da la strada,
t’è da smincià la sala
apòsta pitürada
e la mubilia lüstra
e ‘l söl ch’l’è ‘na spegiada.
Gh’è l’ome cu’i balòn
e gh’è ‘ncamò ‘l banchète
ch’i vèndun i bumbòn
e pö la tiralaca
cun i  “bruti ma bòn” .
 
Me, che so’ stai baliade     
pròpi ‘n Busamartén,
‘ndèvi da la me balìa
 
“a festa” da fiulén.
Quande che son cresüde
“a festa” son ‘ndai pü…
Ma lè, sta pòra dòna,
la me spetèva sü
la porta, tüta sira,
per vèdeme passà.
E quande s’èri in mira:
“Vè un mumènte in cà   
che ghè un bucon de turta
per tì - Vè chi a mangià!”
la me disèva pian.
E me la caresèvi
in testa cun la man.
 
Adès, me “mama Lèna”
l’è un pèś che la gh’è pü….
Ma se a la “Delurata”
me ghe scapüsi sü,
in de’l passà denanse
‘n de gh’èra la so cà,
la cerchi amo cu’i ögi,
me trèma un po’ i sdenögi
e slüsi via da là.
E alura rüvi in cèśa
e diśi un’ urasiòn,
pö…scapi via de cursa,
cu’l cör pièn de magòn.

 
da “ Sant’Angel da’l campanén” 1978 di Achille Mascheroni

La Madonna Addolorata

(festa rionale)

La quarta domenica di settembre
arriva la festa della Madonna Addolorata
e tutti i “büsmarö” ( abitanti di Borgo San Martino)
che abitano in Borgo San Martino
si comportano peggio dei bambini.
Ci sono le luminarie,
orgoglio del rione o borgo
e, per terra, oggi come ieri,
l’incarto delle confezioni di burro
che ti fanno scivolare mentre cammini per la strada
Si diceva che le strade erano scivolose per il tanto burro usato per fare le torte.
perché hanno preparato le torte
ricoperte di marmellata.
Ci sono gli usci spalancati
e i lampadari accesi
affinché tu, dalla strada,
possa notare la sala
ridipinta per l’occasione
e la mobilia tirata a lucido
e il pavimento che rispecchia.
C’è il venditore di palloncini
e c’è anche la bancarella
dove vendono i dolcetti
e poi la “tiralacca” dolce di zucchero caramellato lungo e stretto
con i “brutti ma buoni”… tipici dolci
 
Io, che sono stato messo a balia
proprio in Borgo San Martino,
andavo a casa della mia balia,
a passare quel giorno di festa, quando ero bambino.
Quando poi sono diventato adulto
Non ho più passato quel giorno in casa sua.
Ma lei, questa povera donna,
mi aspettava sull’uscio di casa.
per tutta la sera,
per vedermi passare.
E quando arrivavo nei pressi della sua casa:
“Vieni un momento in casa
che ho un pezzo di torta per te -Vieni qui a mangiare”
mi diceva sottovoce.
Ed io le accarezzavo la testa.
 
Adesso, la mia “mamma Lena”
è da un po’ che non c’è più…
Ma se all’Addolorata”
mi capita di passare per caso
davanti alla sua casa,
la cerco ancora con lo sguardo,
le ginocchia cominciano allora a tremare
 e scappo via.
E così arrivo in chiesa
E dico una preghiera,
poi…scappo via di corsa
con il cuore pieno di tristezza e con un groppo alla gola
 
 

Condividi l'articolo su

Riproduzione Riservata

Inviaci i tuoi video e diventa un nostro reporter
Dillo a SantangeloTV
La tua pubblicità su santangelotv