Elmec Computer
Bruschi Maurizio | Istruttore Subacqueo
BCC Laudense
Cremascoli Gomme
Servizi Foto e Video di Matrimonio
Edilferramenta
Gioielleria SaliConti
Note di Bellezza | Centro Estetico e Benessere
4F Elettroforniture | Sant'Angelo Lodigiano
Centro Commerciale Il Castello
La Contea | Agriturismo, Allevamento e Pensione Cani e Gatti
Dolce Vita Wellness Club
Matrimonio | Castello Bolognini
Bar del Ponte | Sant'Angelo Lodigiano
Semini nel Bosco | Sant'Angelo Lodigiano
Art & Dance Studio | Sant'Angelo lodigiano
Sergio Donegà | Insegnante di Yoga su Misura
C.F.I.62 Consulenza Finanziaria Indipendente
Studio Fotografico GM di Gianluca Mariani
Privato Vende Casa a Sant'Angelo Lodigiano
Ottica Scotti | Sant'Angelo Lodigiano
Elmec Computer
Bruschi Maurizio | Istruttore Subacqueo
BCC Laudense
Cremascoli Gomme
Servizi Foto e Video di Matrimonio
Edilferramenta
Sali Conti
Note di Bellezza
4F Elettroforniture | Sant'Angelo Lodigiano
Centro Commerciale Il Castello
La Contea | Agriturismo, Allevamento e Pensione Cani e Gatti
Dolce Vita Wellness Club
Matrimonio | Castello Bolognini
Bar del Ponte | Sant'Angelo Lodigiano
Semini nel Bosco | Sant'Angelo Lodigiano
Art & Dance Studio | Sant'Angelo lodigiano
Sergio Donegà | Insegnante di Yoga su Misura
CFI62 Consulenza Finanziaria Indipendente
Studio Fotografico GM di Gianluca Mariani
Privato Vende Casa a Sant'Angelo Lodigiano
Ottica Scotti | Sant'Angelo Lodigiano

"I Custodi del Dialetto Barasino" - Ventesimo Episodio

Una giurnàda particulàr

Gìnu e Marìa j˘èrun pensiunàdi,
spušàdi urmài da tànti àni, bràva
gènte, gnèn da di’: i catèvun lite de
spès, ma i se vurèvun bèn. Lü el gh’èva
un difète: el patìva tànte la sède, ghe
piašèva béve!
Quànde Gìnu l’èra in ca’, Marìa la
se sentìva no lìbera da fà quèl che la
vurèva e la ghe vušèva adré: “Sta nò chì
a infesà, và föra dî pé!”.
Un dì, Marìa l’èra in ritàrdi cui mesté
de ca’, l’èra urmài dišnà quande la
gh’èva amò da ’ndà a fà la spèša e a tö
el pan. Alùra la gh’èva di’ al sô Gìnu da
pensàghe lü a šià da mangià.
Ma Marìa la ’gnèva indré pü, l’èva
truàde le sô amìše e… vìa un ciòde,
l’òlter… e intante ch’el spetèva, Gìnu el
bevèva: via un bicér, l’òlter.
Quànde l’è stài ùra da ’gnì indré, Marìa
l’èra amò in cuntràda, quànde l’à vìste
el fǜme ’gnì föra da ca’ sùa.
Tǜta stremìda, l’è cùrsa in ca’, urmài
pièna de füme, l’à sberlatàde le finèstre
e l’à vìste el sô òme2 bütàde šu sü l’utumàna.
“Gìnu, Gìnu, ’s’te fài? Te stè bèn nò?”,
la ghe dumandèva stremìda.
Gìnu l’à dervìde un öge sul, l’à
guardàda, pö l’à vultàde galòn… e ’l
s’à insucàde amò. L’èra ciòche müte!
El mangià l’èra tǜte brüšàde! Gh’èra i
padlòti da šbàte via. A Marìa ghe ’gnèva
da šgarì…
Dòpu méš’ùra Gìnu el s’è dersedàde:
“Gh’ò fàme!”, l’à di’.
“Gh’è pü gnèn, brüšàde ànca el
padlén!”, rispùnde Marìa.
“Fà gnèn, Marìa, ciàpetla no,…
mangème una bèla risümàda… cul
vén!”.
“Gh’ò in ca’ apèna un öve!”, l’à di’
Marìa.
“A ciàu… metarème pusè vén!”, gh’à
rispòste Gìnu.

Carlo Vitaloni

Una giornata particolare

Gino e Maria erano pensionati,
sposati ormai da tanti anni, brava
gente, niente da dire: litigavano spesso,
ma si volevano bene. Lui aveva un
difetto: soffriva tanto la sete, gli piaceva
bere!
Quando Gino era in casa, Maria non
si sentiva libera di fare quel che voleva
e lo sgridava: “Non stare qui a impacciare,
vai fuori dei piedi!”
Un giorno Maria era in ritardo con i
mestieri di casa, era ormai ora di pranzo
mentre doveva ancora andare a fare
la spesa e a comprare il pane. Allora
aveva detto al suo Gino di pensarci lui
a preparare da mangiare.
Ma Maria non ritornava, aveva trovato
le sue amiche e… via un chiodo
un altro... e, mentre aspettava, Gino
beveva: via un bicchiere, un altro.
Quando è stata l’ora di tornare, Maria
era ancora sulla strada, quando
vide il fumo uscire da casa sua.
Tutta spaventata, era corsa in casa,
ormai piena di fumo, aveva spalancato
le finestre e aveva visto suo marito
sdraiato sul divano.
“Gino, Gino, cos’hai fatto? Non stai
bene?”, gli chiese spaventata.
Gino aprì un occhio solo, la guardò,
poi si voltò dall’altra parte e si addormentò
ancora. Era ubriaco fradicio!
Il mangiare era bruciato tutto! C’erano
le padelle da buttare via. A Maria
veniva da piangere…
Dopo mezz’ora Gino si svegliò: “Ho
fame!”, disse.
“Non c’è più niente, è bruciato anche
il padellino”, rispose Maria.
“Non importa, Maria, non prendertela…
mangiamo una bella tuorlata…
con il vino!”.
“Ho in casa solo un uovo!”, disse
Maria.
“Pazienza… metteremo più vino!”,
le rispose Gino.

Ma l’èr tüte un òlter mùnde
Racconti in dialetto santangiolino a cura e con traduzioni, note e testi complementari di Angelo Pozzi
Associazione Società della Porta "Il Ponte"



 

Condividi l'articolo su

Riproduzione Riservata

Inviaci i tuoi video e diventa un nostro reporter
Dillo a SantangeloTV
La tua pubblicità su santangelotv